I luoghi più affascinanti di Gran Canaria

Situata nell’Oceano Atlantico, ad una distanza di poco meno di 1.300 km dalla Penisola Iberica e molto più adiacente alla costa nord-occidentale africana, ma politicamente parlando, proprietà della Spagna, Gran Canaria è una delle sette isole principali che compongono l’arcipelago delle Canarie.

Essendo essenzialmente un’isola di origine vulcanica, si pone in una situazione climatica microcontinenale: a causa dell’affievolirsi della variazione stagionale, il suo clima rimane mite durante gran parte dell’anno con estati calde ed asciutte ed inverni freschi e più umidi. Forse questo fattore rende l’isola meta tanto ambita da parte di molti turisti provenienti da quasi tutto il mondo, favorendone il suo sviluppo economico, culturale e sociale.

A tal proposito, si potrebbe stilare una classifica dei luoghi più affascinanti e gettonati di Gran Canaria per i quali vale davvero la pena trascorrerci, almeno una volta nella vita, un mese delle nostre meritate vacanze lavorative e prendersi uno stacco dalla solita routine metropolitana.

Spiagge dorate ed acqua cristallina

Parlando di clima molto mite e di estati lunghe e calde, non si può non far riferimento alle stupende spiagge di Gran Canaria, uno dei luoghi davvero più affascinanti. Così, dando uno sguardo a sud, si può ammirare la principale e doratissima Maspalomas, famosa per le sue dune  (trovandosi di fronte all’oceano) e una serie di villaggi turistici: da San Augustìn a Meloneras e Playa del Inglès.

Scorrendo, vi è la presenza di altre piccole località balneari minori come Puerto de Mogàn, luogo d’incontro di molti sub, Puerto Rico, Anfi o Playa Amadores. A Nord, invece, verso la capitale Las Palmas de Gran Canaria, troviamo Agaete con il suo Puerte de las Nieves e la spiaggia urbana di Las Canteras, area naturale protetta.

Montagne vulcaniche e vigneti

Nella parte montagnosa dell’arcipelago, precisamente a Tejeda, a circa 50 km dalla capitale, scorgiamo la bellezza naturale di Roque Nublo, paesaggio popolato da distese di pinete e panorami mozzafiato, ottime per chi ama l’escursione e necessita di libertà.

A sud, accanto alle immense distese balneari precedentemente citate, tra i comuni di Agüimes ed Ingenio troviamo il Canalone di Guayadeque, nel quale sono stati rinvenuti in passato corpi mummificati risalenti agli aborigeni che vissero nell’arcipelago e ospitati nel Museo Canario.

A Bandama vi sono invece delle immense distese di vigneti localizzati nelle vicinanze di una depressione vulcanica, i cosiddetti vigneti di Tafira.

Luoghi davvero affascinanti che se visiti Gran Canaria non puoi non vedere e scoprire.

Villaggi tradizionali e musei

A 20 minuti dalla capitale dell’isola, scopriamo il piccolo centro urbano di Teror, la cui basilica del municipio ospita la Madonna del Pino, motivo della sua fama come luogo di pellegrinaggio.

Conosciuto come quartiere originario di Las Palmas è Vegueta, che tutt’oggi conserva delle radici che datano cinque secoli di storia marittima, dal passaggio dei pirati all’avvento di Cristoforo Colombo, il tutto testimoniato e conservato dal Museo Canario. Parlando di musei, non si può di certo non menzionare il Museo e Parco Archeologico Cueva Pintada, il quale custodisce secoli di storia aborigena nella località di Galdàr.

Posti che valgono la pena di essere scoperti, anche al solo scopo di far accrescere la nostra conoscenza culturale, ma non solo Gran Canaria è sicuramente un posto dove vale la pena trasferirsi per tutta la vita.

Commenta Qui sotto

commenti